Vai ai contenuti

Archivio

Tag: delle


Aaahhh la politica! Il governo della Polis?la polis etica?la polis amministrata e la polis di valore!
Come si fa a non cadere in digressioni politiche, dì come si fa?
Bisognerebbe vivere su Uranio…mi correggo:Urano.
Qualcuno, quando cadde la scorsa repubblica( era la prima? La seconda?? O già la terza??) qualcuno dei defenestrati, dicevo, all?epoca pronosticò che l? avremmo rimpianta. E avremmo rimpianto il pentapartito. Credo che quel tempo sia arrivato.
Come faccio a dirlo?
E? che nel mio ridente e felice borgo dove le caprette non fanno ciao solo per timidezza si è appena andati al voto, come nella maggioranza del resto del Paese, e domani la kermesse si ripeterà per il ballottaggio. Leggere tutte le liste è stato un lavoro: quattordici. E? stato emotivamente stressante constatare a tramonto inoltrato che storici personaggi di sinistra erano trasmigrati via verso il centro, il centro destra e?quasi quasi anche la destra pura: questione di programmi, alleanze, concertazioni. Chiaro che, per par condicio, altrattanti personaggi di destra hanno bilanciato verso sinistra?con perfetto sincronismo e peso.
Anche qui, nel felice borgo sulla collina in cui vivo ha vinto la sinistra, abbracciando uomini di destra, di centro, di centro destra. Gli ex di sinistra passati a schieramenti opposti hanno un po? pianto sul latte versato, quasi quasi farebbero tre passi indietro?ma ormai!

E domani si va al ballottaggio, ma nel frattempo le alleanze preelettorali si sono già frantumate, gli accordi vacillano l?elettroforesi da polo a polo continua: questioni di programmi, intese, concertazioni, la formula giustificativa è sempre la stessa. La verità è che non ci si mette d?accordo sulle porzioni di torta da spartire, la sensazione è che ognuno tira l?acqua al suo mulino e, come dice il mio farmacista, vanno lì solo per sistemare i fatti di casa loro.
Comincia il totocandidato. Sarà il caso di cominciare a parlare di quotazioni sul mercato politico, e il gioco si fa intrigante perché con tutta questa particellizzazione di voti e preferenze le alleanze sono sempre più fragili, gli uomini sempre più ricattabili. I buontemponi scommettono sulle prossime transumanze future e probabili.
E del resto, a guardarle da qui, da sotto il palco dei comizi imbandierato e infloreato, queste facce sono tutte uguali: perfettamente interscambiabili, sovrapponibili, sostituibili con altre facce medesime.

Forse c?è davvero da rimpiangere i tempi del pentapartito, si oleava la macchina è vero, ma, all?epoca, appartenere ad una fazione politica piuttosto che ad un?altra era anche un fatto di fede e ti entrava quasi nel tratto somatico.
Adesso sembra il gioco delle tre carte.

E ho idea che non si tratti solo della politica.

- ai funerali del papa c’ erano tutti i potenti del mondo.

- ah…c’erano pure i fabbricanti di armi…?!?

- sé ma figurati…se non c’erano neppure quelli del cda della nestlé.

§§

- essere in democrazia vuol dire che Vittorio Feltri può proporre che la Fallaci sia nominata senatore a vita?

- No. Quello vuol dire essere in andropausa.

-Mamma, che senso hanno le nuvole?
-Hanno il senso del vento, Ciccio.

-E chi da’ senso al vento?